scritto da on Attualità, Riflessioni d'autore

Nessun commento

Vivere insieme ... morire da soli

Vivere insieme ... morire da soli

La premessa di questo articolo riguarda la solidarietà e il motivo per cui la maggior parte delle persone sceglie di vivere insieme, accalcate come formiche nello stesso alveare urbano. Perchè decidiamo di ammassarci insieme invece di acquistare una casettina alle pendici di qualche collina o in cima ad una montagna e isolati da tutto e tutti? Sarà il bisogno di avere comodi servizi? Sarà il bisogno di uscire, sentire la presenza di calore umano a confortarci e rassicurarci? D'altra parte la sera si esce per fare una passeggiata, non si va in luoghi isolati ma si va in posti affollati, si evade dalla tranquillità del proprio focolare domestico per immergerci in un mare di individui. Finchè tutto è normale tutti siamo solidali, "Prego...prima lei", "Buongiorno, ha bisogno di una mano?". Se però uno di noi è vittima di un episodio di violenza allora scatta la paura e predomina l'egoismo. Non importa se un giorno potrebbe capitare a me. Meglio farsi i fatti propri. Che mi frega se stanno picchiando quello, se stanno violentando quella. Chi me lo fa fare. Episodi di questo tipo sono molto frequenti, ne ho letti, ne ho visti in tv e internet. Questa volta però l'ho vissuto in prima persona. Non avrei mai immaginato di dovermi confrontare con me stesso, con le mie paure.

E' il 16 febbraio 2017, a Pisa è una bella giornata nonostante la stagione, sono passate da poco le 15:00 e sono uscito dal mio ufficio per andare a casa. Mi reco alla fermata dell'autobus, la LAM BLU.  La fermata vicino a Mediaworld in Via Matteucci, zona Cisanello.

Fermata Matteucci 2

Fermata Matteucci 2

Ad aspettare l'autobus vi è un'altra persona, un ragazzo sui 30 anni, alto circa 1 metro e 80, testa rasata e vestito in maniera trasandata, gioca col cellulare e ascolta musica. Qualcosa mi dice che non è una persona comune, canta e parla da solo. Arriva l'autobus e saliamo dalla porta anteriore. Ci spostiamo verso la parte posteriore dell'autobus mentre le persone scendono dalla porta centrale. Uno di loro, uno straniero, forse per paura che si chiudano le porte, si appresta frettolosamente a uscire e nel farlo spintona rudemente una signora facendole cadere la valigia a terra. Un episodio che capita frequentemente e che mai avrei pensato potesse scatenare l'ira, la violenza, la voglia di sangue di qualcuno. Ebbene è successo. Il ragazzo prima lo insulta, poi, accorgendosi che l'uomo era straniero, forse originario di un paese dell'est europa, scende dalla porta centrale, lo raggiunge e lo colpisce ripetutamente con pugni alla testa, al volto facendolo cadere a terra. Tra insulti e pugni la sua rabbia non si placa, colpisce con calci alla testa l'uomo che ormai è a terra inerme. Il tutto sotto gli occhi  atterriti di circa 20 persone presenti sull'autobus. La gente urlava "basta, basta" ma la violenza continuava. Nessuno che uscisse dall'autobus a frapporsi tra il carnefice e la vittima per salvare quest'ultimo da una possibile morte. Non avevo mai assistito ad una così tanta violenza, cruda e sotto i miei occhi. Ormai l'uomo era in balia del suo aguzzino, che continuava a colpirlo alla testa. Preso dalla paura che potesse ucciderlo sono sceso dall'autobus e mi sono frapposto tra i due per calmare il ragazzo,  sempre più eccitato e inebriato come se si alimentasse dalla stessa violenza, impedendo così che potesse finire in tragedia.  Il mio intervento non è stato mosso da coraggio ma dalla paura che quel pover'uomo fosse ucciso.  Non ho pensato che avrei potuto rischiare qualcosa ma quando l'indifferenza e la paura generale prevaleva sulla solidarietà mi sono mosso. Così grazie al mio intervento tutto ha avuto quasi fine. L'uomo aggredito intanto, sotto shock e incapace di parlare, perdeva sangue dalla testa e aveva ferite sotto l'occhio da cui fuoriusciva copiosamente sangue. Ho cercato di tamponare le ferite con dei fazzolettini e nel frattempo ho detto all'autista, una donna: "Chiami l'ambulanza e anche la Polizia". Il giovane aggressore sentita la parola Polizia comincia a inveire contro di me e minacciarmi. Sosteneva che quella "gente di merda", "quegli zingari vanno eliminati". Così la paura prevale su tutto e nessuno riesce a chiamare la Polizia ma solo l'ambulanza. Un intero autobus sotto controllo da un pazzo furioso. Così l'autista, rassicurando il malcapitato di aver chiamato l'ambulanza, chiude le porte e si mette in marcia. Mentre l'autobus lascia la fermata, il ragazzo continua a inveire contro di me e contro la vittima insultandolo. "Pezzo di merda, devi morire", e a me: "Prima gli italiani, sei italiano vero?" Io: "si si, certo, sono Italiano" e per calmarlo continuavo ad assecondarlo dandogli ragione su tutto. Capivo infatti che una qualsiasi parola contraria o lontanamente non coincidente coi suoi "principi" potesse nuovamente far ricrescere la rabbia che pian piano stava scemando. L'autobus intanto proseguiva e i suoi occhi minacciosi incrociavano in segno di sfida i miei. Non avrei mai immaginato però che tra la gente si levasse un segnale di complicità. Un ragazzo, non credo per paura, gli sorride e gli da pure il "cinque"dimostrandogli comprensione e sostegno alle sue astruse idee di giustizia. Decido così di scendere anticipatamente dall'autobus per evitare che la sua fermata coincida con la mia. Non vorrei infatti che scopra dove abiti, meglio evitare. Ho anche un'altra idea, scendere per chiamare la polizia. Lo faccio subito, compongo il 113 ma risulta occupato. Faccio il 112 e racconto tutto. Poco dopo mi richiama la polizia, hanno notato il mio cellulare sulla chiamata. Rispiego il tutto ma mi confermano che nel frattempo anche l'autista li aveva avvisati, forse il pazzo era sceso dall'autobus.

Il terrore, la paura quindi ha avuto il sopravvento sulla solidarietà e sulla pietà. Chissà magari un velato sentimento di razzismo ha reso il tutto ancora più facile. Tornando alla premessa mi chiedo quindi che senso abbia vivere tutti insieme se poi nel momento del bisogno siamo da soli?

PS: Che strano trovarsi da siciliano su un autobus pieno di persone che non vedono, non sentono e non parlano. Non è di certo un luogo comune.

scritto da on Attualità

Nessun commento

Più sento gli altri e più mi rendo conto della mia superiorità. Nell'ultimo mese vi sono state due discussioni in rete che hanno acceso gli animi tra l'Italia e l'Europa. La prima è stata la questione Nutella Si Nutella No. L'altra invece riguarda la questione sull'utilizzo in Italia del latte in polvere nella produzione di formaggi e latticini vari.

Cosa contiene la Nutella

Cosa contiene la Nutella

Quando il ministro dell'ecologia francese Ségolène Royal fece la sua crociata contro la Nutella (vedi articolo) in quanto contenente, a suo parere, un ingrediente responsabile di devastazioni territoriali e persecuzioni animali, l'olio di palma, tutta l'Italia, in testa anche politici di alto rango fecero scudo a difesa del prodotto nazionale. Così il Ministro dell'ambiente italiano Gian Luca Galletti: «Ségolène Royal sconcertante. Lasci stare i prodotti italiani. Stasera per cena... pane e #Nutella». Intervennero poi anche Greenpeace e il WWF che spensero gli animi, quasi, affermando l'ecologicità dell'olio di palma usato dalla Ferrero (vedi articolo). Moltissimi italiani trovarono, non riesco a capire dove, l'ultimo barlume di nazionalismo e in rete giù duro contro la Francia, tutti a spalmare Nutella, anche coloro che l'avevano bandita da parecchio tempo. Ma cosè la Nutella? Nessuno legge gli ingredienti. Tutti si fermano al gusto, alla bontà del prodotto e non vanno a capire come essa viene fatta. Cosa contiene? Ecco gli ingredienti in questo articolo. Il peso maggiore è lo zucchero mentre gli altri ingredienti, nocciole e cacao sono in minoranza, poi vi è il tanto discusso (vedi più avanti) latte in polvere. Uno degli ingredienti più discussi però è  l'olio di palma, un olio di bassissima qualità, sconsigliato da quasi tutti i nutrizionisti e non a caso il più economico sul mercato. Ricco di acidi grassi saturi e monosaturi, l'esatto opposto del tanto amato olio di oliva. Nonostante queste informazioni e nonostante esistano tante creme più salutari e altrettanto buone (vedi articolo), l'ondata pro-Nutella scende in campo. Si alla Nutella nonostante contenga l'olio più dannoso per la salute, più economico e di bassa qualità, nonostante contenga il 50% di zucchero e una minima parte di altri ingredienti e soprattutto nonostante venga prodotta col latte in polvere e non fresco.

Latte in polvere

Latte in polvere

Il latte in polvere. Un latte disidradato contenuto nella stragrande maggioranza di prodotti dolciari che arrivano sulle nostre tavole. Viene addirittura venduto in farmacia per i bambini. Il 28 maggio 2015 esce su tutti i giornali la notizia secondo la quale l'Europa ci chiede di uniformarci alle direttive europee e liberalizzare anche in Italia l'uso del latte in polvere nella produzione di prodotti caseari (vedi articolo). Tutti i giornali però travisano quanto chiesto dall'Europa e titolano sui loro giornali evidenziando le parole "formaggi senza latte". Da Repubblica a Il fatto quotidiano, da Il Giornale a Libero. La verità però è diversa. L'europa chiede all'Italia di modificare la legge n. 138 dell'11 aprile 1974 che prevede per i produttori italiani il divieto di utilizzo, detenzione e vendita di latte in polvere e latte ricostituito per la produzione di prodotti caseari come formaggio, yogurt e latte alimentare. In pratica mentre in tutta Europa è possibile utilizzare il latte in polvere, in Italia no. La cosa inconcepibile è che i formaggi prodotti all'estero con latte in polvere possono essere importati in Italia. Un controsenso. Perchè quindi un'ondata di scudi contro la richiesta europea? La risposta della coldiretti e di altre associazioni agroalimentari è la seguente. Ciò abbasserebbe la qualità del prodotto made in italy. Non so se questo sarà vero ma l'uso del latte in polvere dovrà comunque essere citato nelle etichette, che ognuno potrà decidere se utilizzarlo oppure no e che comunque ci saranno produttori che decideranno di rimanere fedeli al latte fresco. A mio parere quindi uniformarsi alle direttive europee è necessario e che se dobbiamo rimanere in Europa rispettare le leggi europee è fondamentale, non è possibile quindi tenerci fuori da ciò che nel resto d'Europa è accettato. Inoltre non esistono controindicazioni sull'uso del latte in polvere, secondo Marco Silano, direttore del reparto alimentazione e nutrizione dell'Istituto superiore di sanità, il latte in polvere non è sinonimo di minor qualità. E' solo latte disidratato (vedi articolo). Il formaggio senza latte quindi non esiste, i formaggi prodotti con il latte in polvere arrivano dall'estero nonostante la legge italiana, il latte in polvere è qualitativamente uguale a quello fresco, i produttori italiani potranno optare se utilizzare l'uno o l'altro scrivendolo nelle proprie etichette. Ecco perchè sono favorevole all'uso di latte in polvere. E lo stesso penso debba essere sostenuto anche dai difensori della Nutella e delle miriadi di prodotti che lo contengono.

Gli ipocriti e finti nazionalisti che sbandierano l'italianità della Nutella con olio di palma e latte in polvere per poi opporsi e difendere il burro e i formaggi prodotti col latte fresco tacciano e si informino prima di blaterare frasi senza cognizione di causa.

scritto da on Uncategorized

Nessun commento

Quante volte lo avrete sentito, quante classifiche avete scorso e visto il nostro Paese nella UE al penultimo o in alcuni casi tra gli ultimi posti. Noi siamo sempre quelli che ....per un motivo o per un altro veniamo dopo la Grecia. Quelli che veniamo condannati dall'Europa perchè non abbiamo rispettato questo o quell'altro.Quelli dietro la Grecia

Certo siamo quelli della pizza, mandolino, arte ...ma siamo anche quelli che abbiamo esportato anche la mafia. Siamo quelli del Rinascimento, Roma e la moda ma veniamo sempre descritti come quelli rozzi e senza alcun rispetto delle regole.

Allora riassumiamo un pò come e cosa abbiamo sentito dire di noi.

Iniziamo con la corruzione.

Si sono espressi sia un'organizzazione internazionale governativa (OCSE) sia una non governativa (Transparency international). Secondo l'OCSE  (vedi articolo) noi saremmo al top della corruzione in Europa, primi in classifica insomma, e ne avremmo voluto farne a meno. Anche per Transparency International  (vedi articolo) conferma questa analisi e noterete che i nostri amici di cammino sono sempre alcuni Paesi europei tra cui la nostra amata Grecia.

Un altro parametro è la libertà di stampa. Anche qui il nostro Paese non se la passa bene. Nonostante la Costituzione più bella del mondo, così affermano alcuni, siamo tra i Paesi meno liberi nel mondo. L'organizzazione non governativa Reporter senza frontiere, che si prefigge di tutelare la libertà di stampa nel mondo, ci pone nelle posizioni non proprio dignitose dopo paesi di basso livello come Corea del Sud e Cile e cosa abbastanza grave che questa volta la Grecia ci supera in Europa. Anche un'altra organizzazione non governativa (Freedom house) nel 2004 ci considerò come "parzialmente liberi" (vedi articolo).

Comunque al di là delle valutazioni che ci vedono soccombere impietosamente e delle condanne da parte delle varie istituzioni europee come la Corte dei diritti internazionali tanto per farne un esempio, la sensazione che l'Italia non spicchi per virtù è sotto l'occhio di tutti noi che ogni giorno ci lamentiamo di questo e di quello. Al di là di tutto ciò, nonostante la responsabilità sia, in primo luogo e direttamente, delle  classi politica e dirigenziale che ci governano, non possiamo che autoflagellarci visto che quando dobbiamo decidere da chi essere governati facciamo noi le scelte. La mia idea di come vedo la situazione è molto semplice. Ogni cultura ha i suoi pregi e difetti, ha la possibilità di decidere del proprio destino e se questo è il nostro non è perchè ce lo impone la Germania o la Svezia ma perchè lo creiamo noi. Noi votiamo, noi dichiariamo le tasse e noi ci comportiamo in un modo piuttosto che in un altro quando camminiamo per strada. Per questo se l'Italia è in questa situazione la responsabilità è di tutti noi, insomma, ci meritiamo quello che abbiamo perchè siamo quello che siamo. Per risolvere i problemi globali del nostro Paese dobbiamo prima di tutto contribuire nel piccolo a risolvere i nostri personali. Attraverso i piccoli gesti quotidiani e considerare che quello che accusiamo nell'altro non sia presente in noi stessi. Metterci nei panni degli altri e riflettere a volte aiuta a lanciare meno pietre e cambiare i nostri comportamenti.

Quindi alla fin fine dobbiamo tifare per noi stessi e anche per la Grecia, perchè se la Grecia fallisce non ci sarà più nessuno dopo di noi.

scritto da on Attualità, Riflessioni d'autore

Nessun commento

«Tanta gente che sparla di altre religioni o delle religioni, che prende in giro, diciamo “giocattolizza” la religione degli altri, questi provocano. E può accadere quello che accadrebbe al dottor Gasbarri se dicesse qualcosa contro la mia mamma! C’è un limite. Ogni religione ha dignità, ogni religione che rispetta la vita e la persona umana, e io non posso prenderla in giro. Questo è un limite. Ho preso questo esempio per dire che nella libertà di espressione ci sono limiti. Come quello della mia mamma».

Papa Francesco non è Charlie Hebdo

Papa Francesco non è Charlie Hebdo

Il Papa quindi non è Charlie Hebdo. Non è a mio parere neppure Cristiano. La cristianità si fonda sulla parola di Gesù e non mi pare che Gesù mentre veniva crocifisso avesse reagito sfruttando i suoi superpoteri annientando il nemico. Mi pare che abbia detto "Porgi l'altra guancia" o "Padre perdona loro perchè non sanno quello che fanno".

L'ipocrisia della Chiesa quindi rinasce con Papa Francesco, che io, da ateo, ammiro, per carità, è il primo Papa che allontana il cattolicesimo da una mentalità medioevale che, come tutte le religioni, esso rappresenta e che le sue radici trattengono nel passato. Francesco tenta di estrarre queste radici e trapiantare l'albero in un altra terra, in un'altra epoca (leggi su wikipedia) ma con questa sua dichiarazione si allontana anche dai principi veri del cristianesimo, la compassione, il perdono.

Assurdo ma è così, Giovanni Paolo II era di tutt'altra idea, ha perdonato il suo attentatore e aveva opinioni molto diverse sulla omosessualità:

« Occorre invece precisare che la particolare inclinazione della persona omosessuale, benché non sia in sé peccato, costituisce tuttavia una tendenza, più o meno forte, verso un comportamento intrinsecamente cattivo dal punto di vista morale. Per questo motivo l'inclinazione stessa dev'essere considerata come oggettivamente disordinata »

il che confligge con Francesco..."Chi sono io per giudicare un omosessuale?"

Le differenze poi toccano il massimo quando si parla di potere finanziario. Le ultime dichiarazioni di Francesco sui rapporti tra potere spirituale e finanziario rompono col passato, con Giovanni Paolo II e Benedetto XVI (leggi l'articolo su il fatto quotidiano).

Eppure i seguaci cattolici sono gli stessi che oggi sostengono le parole di Francesco. E' cambiato il Papa o sono cambiati i cristiani che hanno dato l'input affinchè si eleggesse un Papa diverso? Oggi parlo con le stesse persone che sostenevano i papi precedenti e adorano le parole di Francesco. Cercano di giustificare la loro appartenenza cattolica e si affannano nel dare una interpretazione che meglio li identifichi con gli ideali cristiani. Li vedo arrancare e balbettare mentre leggono "Chi sono io per giudicare un omosessuale".  Ora addirittura approvano la reazione nei confronti di chi ci offende. Il tutto mentre sbandierano "Io sono Charlie". CHE SCHIFO.

Non più quindi "porgi l'altra guancia" ma nemmeno spero "Occhio per occhio dente per dente" . Ho io il motto per i cristiani di tutto il mondo. Il terzo principio della termodinamica.

Ad ogni azione corrisponde una reazione pari e contraria.

Un'occasione quindi per abbandonare l'oscurità retrograda medioevale e abbracciare il positivismo scientifico del 21° secolo, prima che tutto diventi islam. I dati infatti dicono che il futuro sarà musulmano. Tutte le statistiche mondiali sostengono che mentre le culture musulmane hanno una crescita demografica superiore a 2, in quelle occidentali supera di qualche decimo l'1. Non sarà quindi la guerra e l'invasione violenta a convertirci. L'apertura delle frontiere e il fondamentalismo nei paesi di origine farà emigrare verso l'occidente milioni e milioni di musulmani che, ripeto, fornicano e si riproducono nello stesso tempo molto più di noi.

In attesa che tutto sia islam.

 

 

 

scritto da on Riflessioni d'autore

Nessun commento

Legale?!!Illegale?!

Non tutti lo sanno ma l'OMS, l'Organizzazione mondiale della sanità, ha definito l'alcol una sostanza tossica nonché una droga. Mi chiedo: Perché si fa una battaglia nei confronti della cannabis come fosse il diavolo e si permette invece che una sostanza che causa milioni di morti all'anno in tutto il mondo (ben più della "maria") di essere legale? Si la Cannabis contiene delle sostanze  stupefacenti quindi una droga, ma anche l'alcol è una droga, anche il tabacco lo è e provocano molti più danni alla salute.

La definizione di droga (fonte wikipedia) è:

È detta sostanza stupefacentepsicoattiva o psicotropa (nel linguaggio comune, droga):

  • una sostanza chimica farmacologicamente attiva;
  • dotata di azione psicotropa, ovvero capace di alterare l'attività mentale;
  • in grado di indurre, in diverso grado, fenomeni di dipendenza, tolleranza e assuefazione.

vedi  questo link:  http://it.wikipedia.org/wiki/Sostanza_stupefacente

Nella definizione dell'Organizzazione mondiale della sanità, si definiscono "droghe" [stupefacenti] tutte quelle sostanze in grado di causare:

  • tolleranza: la capacità dell'organismo di sopportare a dosi gradualmente più elevate la tossicità delle sostanze;
  • assuefazione: il degradare dell'effetto, soprattutto psichico, della medesima dose, con conseguente necessità di aumentare la dose per produrre lo stesso effetto;
  • dipendenza, necessità di introdurre tali sostanze per evitare crisi di astinenza.

Se andiamo a cercare adesso la definizione di Alcol vediamo che rispetta la definizione di droga.

vedi  questo link:   http://it.wikipedia.org/wiki/Etanolo#Dipendenza_da_alcol

Per il fumo non servono spiegazioni, il tabacco infatti è una fucina di sostanze cancerogene che provocano vere e proprie stragi "legali".

Quindi sia l'alcol che la nicotina (contenuta nel tabacco), alterano l'attività mentale, creano dipendenza e assuefazione. Sono droghe quindi.

Ad aggravare la pericolosità dell'alcol vi è poi ciò che sostengono tutti i tossicologi e l'OMS. Dal sito  alcol.dronet.org, sito ufficiale del Ministero della salute, lo si conferma.

Allora chiediamoci per quale motivo la cannabis, che contiene principi terapeutici, ammessi anche dal mondo scientifico, l'OMS, e da tutti i ministeri delle sanità mondiali, utile nelle terapie del dolore, viene così osteggiata?

La risposta sta nella cultura, che, dura a morire, considera la cannabis come fosse il diavolo mentre molte altre sostanze, che la storia ha sdoganato, vengono accettate come fossero normali.

Un consiglio? Prima di giudicare io aprirei un dizionario e poi andrei nei siti ufficiali a informarmi e capire cosa sono in realtà le sostanze che assumiamo.

Una bella stronzata quindi quella che tutti i medici dicono che un bicchiere di vino a tavola non fa male o addirittura è un toccasana per l'organismo. Un bicchiere di vino è deleterio e a giudicarlo dovrebbe essere un medico competente come un tossicologo visto che è (vedi sopra) una sostanza tossica.

Negli USA, come per il tabacco, le bottiglie che contengono alcol riportano le diciture di allarme per i rischi che possono derivarne dal consumo. Ecco cosa è obbligatorio scrivere su tutte le etichette:

GOVERNMENT WARNING:

A) According to the Surgeon General, women should not drink alcoholic beverages during pregnancy because of the risk of birth defects.
B) Consumption of alcoholic beverages impairs your ability to drive a car or operate machinery and may cause health problems.

Adesso, alla luce delle considerazioni e citazioni, di cui sopra, dico la mia.

La mia cultura si fonda sulla libertà di scelta, sul principio di autodeterminazione e sul diritto di fare del proprio corpo ciò che si ritiene opportuno. Il dovere di uno stato civile è quello di informare i cittadini ma di lasciare poi libera scelta e arbitrio. Per questo motivo io sostengo che ogni individuo debba poter scegliere se vivere o morire, se curarsi o lasciarsi ammalare, se fumare tabacco, spinelli o farsi di alcol. Di abortire e di vivere in città piuttosto che in campagna. Di abitare a due passi da una centrale elettrica, di farsi una casa a Priolo o Malagrotta. Non sta a me decidere della vita e della morte di altre persone, bisogna però informare ogni individuo di cosa si va in contro se si opta per la strada a destra piuttosto che per la sinistra.  Obbligare un malato terminale a morire giorno dopo giorno nella sofferenza, per poi permettere che persone piene di vita vivano in condizioni pietose magari senza avere nulla di cui nutrirsi … questo il controsenso della società attuale. Siamo obbligati a soffrire per legge quando desideriamo la morte e lasciati soffrire quando amiamo la vita. D'altra parte mi incazzo come una bestia quando qualcuno mi fuma vicino o nei luoghi pubblici, abbiate un minimo rispetto, cazzo, per chi desidera "vivere" e mantenere il proprio corpo, per quanto possibile, in salute.

Vedi anche:

http://www.repubblica.it/salute/ricerca/2010/11/01/news/alcol_pericoloso-8632878/

http://www.corriere.it/Rubriche/Salute/Medicina/2007/03_Marzo/23/alcol_fumo_droghe.shtml

scritto da on Riflessioni d'autore

Nessun commento

Sarò di gusti difficili e intollerante ma quando comincio ad avere problemi e disservizi con le compagnie telefoniche io .... disdico.

Iniziai con TIM e poi Wind alcuni anni fa. Ho sempre avuto la necessità di avere internet a casa e non solo al lavoro ma quando queste due compagnie non riuscivano a garantirmi una copertura adeguata lasciandomi continuamente a secco cambiai subito e passai a 3.

La connessione 3 mi diede subito tante soddisfazioni, alta velocità come non ho mai avuto, 500 megabyte al giorno, ma aveva la pecca di non coprire tutto il territorio nazionale. Il mio piccolo Paesino, Mandanici in Provincia di Messina, è parte di questo territorio e lì ero fuori dal mondo. Ma quando 3 mi bloccò la connessione per aver avuto la malaugurata decisione di aggiornare il  sistema operativo del mio Ipad, a sentire 3 il blocco è stato necessario per "download anomalo", non ci pensai su 2 volte e appena ne ebbi l'occasione passai a Fastweb. E' metà marzo 2014 e Fastweb mise sul mercato una offerta di 10 € al mese per i primi 3 mesi, dava 15 gigabyte al mese e poi, consumato questo platfond, navigazione lenta gratis. I successivi mesi ai primi tre il costo sarebbe passato a 15 €. Tutto bene. Ogni fine mese il platfond si aggiornava, quindi aprile, maggio e giugno. L'1 luglio però la sorpresa. La connessione diventa immediatamente lentissima e impossibilitato a fruire in maniera accettabile della rete chiamo Fastweb e chiedo spiegazioni. Alla prima chiamata al 192193, come le due successive, risponde un operatore con un italiano stentato non so da quale paese straniero. Chiedo spiegazioni e inizialmente mi dice che ho superato il budget dei 15 giga mensili, che devo aspettare il 2 luglio e che dopo la mezzanotte si dovrebbe ripristinare tutto. Titubante, e non convinto, attendo.

Passata mezzanotte e arrivato il 2 luglio non cambia nulla. La connessione rimane lentissima, rifaccio segnalazione e spiego tutto sulla pagina facebook di Fastweb. Solita risposta, attendere l'ufficio tecnico che mi chiamerà.

Il giorno dopo rifaccio il 192193 e risponde un secondo operatore nordafricano che incerto riconferma quanto sostenuto dal primo, rispondo che è il 2 luglio e come tutti gli inizi del mese dovrebbe aggiornarsi e resettare il tutto ridandomi i 15 gigabyte come da contratto. Dopo aver insistito per vari minuti passa la mia segnalazione all'ufficio tecnico.

In attesa della chiamata al mio cellulare faccio la mia segnalazione sulla pagina facebook di Fastweb e anche lì passano il tutto all'ufficio tecnico. Devo attendere.

Arriva il 3 luglio e nel pomeriggio finalmente mi chiamano da Roma, un operatore italiano verifica la mia Sim e scopre che ho effettivamente superato i 15 gigabyte e che devo attendere il 15 luglio come da periodo di fatturazione. Avete capito benissimo, il reset mensile , a mia insaputa e senza essere avvisato, passa da solare a quello di fatturazione. Quindi dovrei aspettare 15 giorni prima di riavere i miei 15 gigabyte. Chiudo abbastanza adirato la telefonata e controllo l'applicazione Fastweb sul mio ipad. Lì risulta che il reset è avvenuto a fine giugno e noto che ho, come è normale, quasi 15 gigabyte a mia disposizione. Tutto viene confermato anche nel mio account internet di Fastweb.

Chiamo nuovamente il 192193 e l'ennesimo operatore nordafricano questa volta mi da ragione, mi dice che gli risulta che io abbia a disposizione quasi 15 gigabyte come risulta dall'applicazione Myfasweb sul mio ipad. L'operatore mi consiglia di andare presso un negozio Fastweb e spiegare il tutto di persona. Mi reco immediatamente e lì dopo una telefonata di verifica alla sede romana di Fastweb, riconfermano il mio superamento dei 15 giga di soglia, che il reset sarebbe avvenuto il 15 luglio come da fatturazione. Diversamente quindi come avvenuto da marzo a maggio. La titolare del negozio in seguito alla mia spiegazione, ignora e non crede a quanto da me affermato, non guardandomi neppure negli occhi, mi ripete il tutto,  devo aspettare il 15 luglio e mi fa capire che il discorso è chiuso, con arroganza mi mette da parte invitando il cliente successivo a farsi avanti. Insomma un bel "servito e se ne vada". Prima di andare chiedo un modulo di disdetta del contratto Fastweb e me ne vado.

Quindi ricapitolando. Da fine marzo , aprile e maggio il reset della soglia è avvenuto rispettando il mese solare. A fine giugno non è avvenuto e senza nessun preavviso vengo lasciato senza connessione veloce.

Arrivo a casa e nel raccontare il tutto nella pagina facebook di Fastweb preparo nel contempo la disdetta del contratto. Blocco la domiciliazione bancaria di Fastweb e accetto l'offerta adsl di Infostrada. Passerò quindi ad una linea telefonica fissa sperando di risolvere tutti i miei problemi. Ne dubito. Non esiste a mio parere la competenza in Italia ma devo pur tentare.

 

scritto da on Attualità, Riflessioni d'autore

1 commento

Non sapevo esattamente quando ma che prima o poi mi sarebbe capitata una situazione da incubo (o quasi) ne ero certo. Di tutti i miei viaggi, non molti, non ho mai avuto esperienze davvero negative tranne la rapina a Barcellona che poi ho scoperto fatale anche a diversi miei amici. Parigi da incubo
Non immaginavo però che Booking.com, leader delle prenotazioni online, dove spesso trovo le mie soluzioni di viaggio, potesse abbandonarmi al mio destino.
Vi racconto quindi nei dettagli quanto accaduto e che spero non succeda ad altri, possiate quindi prendere questa mi disavventura e accettare i miei consigli se andrete a Parigi. Si Parigi, la città più romantica e anche tra le più care d'Europa, per me finora lo è stato.
Il mio viaggio prende vita quando ad aprile 2014, dando un'occhiata sul sito Ryanair (la compagnia irlandese leader dei voli low cost), noto dei voli per Parigi a basso costo, circa 19,90 euro a tratta (poi purtroppo per problemi miei personali ho potuto acquistarli solo a circa 30 euro a tratta). Compro i biglietti dal 20 al 24 maggio e subito dopo mi reco sul sito Booking.com per trovare un alloggio. Bingo, scopro un due stelle che corrisponde alle mie esigenze, un hotel un pò fuori centro a Parigi ma ben servito dalla metro, bagno in camera, rapporto buono qualità-prezzo e soprattutto un discreto giudizio da parte dei visitatori di booking.com che lo avevano visitato. Accetta anche la carta di credito, per me requisito fondamentale insieme al bagno in camera. Prenoto dunque una singola, il costo si aggira circa sui 200 € per 4 notti. E' il 10 aprile 2014. L'hotel si chiama FM Hotel e si trova nel quartiere Pigalle a quasi 3 km dal cuore di Parigi.
Giunge quindi il 20 maggio, arrivo alle 21.00 circa nel quartiere Pigalle e le impressioni non sono delle migliori. Un quartiere dove stazionano, ad ogni angolo delle strade, dei tipi che mi sembrano abbastanza loschi, che guardano me, passare con il mio trolley a tarda sera, notano la mia incertezza nel muovermi tra le strade buie e questo non mi mette a mio agio. Giungo all'Hotel FM e la mia preoccupazione aumenta quando vedo la reception, identificarla con stile vintage è davvero troppo, fatiscente invece è quasi esagerato. Arrivo insieme ad una famiglia composta da un uomo, una donna con un bambino, hanno tratti somatici orientali e sono anch'essi turisti. Entro prima io e arrivato alla reception, mi accolgono due signori di origine chiaramente nordafricana, parlano anche l'inglese e cerchiamo di dialogare. Il dialogo non porta da nessuna parte perchè capisco immediatamente, dopo aver dato il mio nome, che nonostante la mia prenotazione sembrasse fosse andata a buon fine, si è verificato un problema. Mi viene detto che, per un errore nella transazione, la mia carta di credito Visa non è stata accettata. Mi dicono che è dovuto non a loro ma alla mia carta di credito. Mi indicano di attendere un attimo che provvederanno a trovare una soluzione in un altro albergo, e mi invitano a mettermi da parte per occuparsi degli altri clienti, la famiglia orientale con bambino arrivata dopo di me. Toh, che sorpresa, anche loro hanno lo stesso problema e così ci fanno aspettare nella "hall" dell'hotel. Chiamarla hall è un'offesa alla parola stessa, in realtà ci fanno scendere in uno scantinato di circa 10 metri quadri senza finestre, dove ci sono dei clienti intenti ad utilizzare col proprio computer la connessione internet wifi. Nell'attesa cerco di trovare conforto con la famiglia orientale, arrivata poco dopo di me, e scopro, grazie al mio modestissimo inglese, che anche loro hanno avuto lo stesso problema e guarda caso con la stessa carta di credito Visa. Un problema è un problema, due problemi sono due problemi con strane coincidenze.
Passano circa 10 minuti, e vengo chiamato dal proprietario dell'hotel, che sorridente mi dice che sono stato fortunato, per il mio caso ha la soluzione. Ha trovato un altro albergo che risponde alle mie esigenze. Mi dice che ha chiamato al telefono l'hotel, ha verificato e adesso, col mio consenso, vuole effettuare la prenotazione alle stesse condizioni e soprattutto allo stesso prezzo. Soddisfatto e rassicurato accetto. Mi chiede la carta di credito, la mia email e davanti ai miei occhi, dal sito hostelworld.com, effettua la prenotazione al Gardette park hotel. Mi indica sulla mappa di google dove si trova, lo memorizzo sul mio mitico mini ipad, fedele compagno di questo mio viaggio (come farei senza di lui!!!) e mi reco immediatamente, anche perchè sono già le 22.00!!
Quando arrivo lì non mi pare vero, è un 3 stelle ma per i canoni francesi corrisponderebbe ad un nostro 4 stelle. Sono più che felice, nello stesso tempo dentro di me la felicità contrasta con un pò di incredulità e sospetto. Possibile che allo stesso prezzo abbia trovato questa reggia? Entrato nell'hotel, mi accoglie un ragazzo alla reception che parla benissimo l'italiano, (poi scoprirò che si chiama Mosè ma questo ve lo racconterò tra poco). Mi presento e sorridente mi preparo a trovare conforto in una doccia e una bella dormita. Questo mio entusiasmo viene subito spento quasi immediatamente quando Mosè mi dice che la prenotazione arrivata a mio nome è per il 23 maggio, non per la sera stessa, in quanto è tutto pieno. Con mia sorpresa insisto dicendo che la prenotazione era stata fatta, così mi era stato rassicurato, dal 20 al 24 maggio. Mosè quindi mi spiega che aveva ricevuto la telefonata dall'Hotel FM e che aveva appunto risposto che per la sera stessa non c'era nessuna disponibilità ma solo per il 23 maggio, quindi in contrasto con quanto dettomi dall'altro albergatore. Capisco quindi che sono stato raggirato, preso in giro e scaricato alla grande. Mosè capisce quindi la mia situazione, quanto successo e mi consiglia di chiamare immediatamente Booking.com. "Loro sono molto professionali e sapranno trovare una soluzione per il tuo caso", così mi rassicura Mosè e mi mette a disposizione un computer e la connessione internet presente nella hall (questa si che è una vera hall, grande, comoda, una mega tv su cui noto stanno passando le immagini dell'ultimo film di Sorrentino, La grande bellezza).
Vado sul sito di Booking.com e mi annoto il numero telefonico. Controllo esattamente la mia prenotazione, sembra normale e andata a buon fine. Chiamo Booking.com dal mio telefono e spiego il problema. Mi mettono in attesa per controllare la mia prenotazione e soprattutto per contattare l'hotel FM. Non sto qui a dilungarmi sui tentativi di avere finalmente la risposta in quanto la telefonata, non capisco per quale motivo, cade continuamente. Ogni volta quindi devo rispiegare il mio problema ad una gentilissima persona del call center sempre diversa. Prima Tizio, poi Caio e poi Sempronio. Alla fine mi confermano che il problema non è dovuto alla mia carta di credito, che la prenotazione è andata a buon fine, la transazione era regolare. Mi spiegano che l'hotel FM ha fatto quello che in gergo viene chiamato overbooking. Cioè hanno accolto più prenotazioni rispetto alle stanze a disposizione. Così io, che sono arrivato tardi ho alloggiato male rispettando il più classico dei proverbi (Chi tardi arriva male alloggia così si dice in Italia). Insomma Booking.com mi conferma che l'hotel FM ha fatto il furbo ma che lo costringeranno a trovare una soluzione e soprattutto che dovrà pagare le ulteriori spese gravanti per accomodarmi. Mi viene detto di attendere e si metteranno a disposizione per comunicarmi quanto prima la soluzione per il mio caso una volta avviata la trattativa con l'hotel FM.
Mentre aspetto faccio amicizia con Mosè, (Moussè così mi pare di ricordare dalla pronuncia algerina, queste sono le sue origini), scopro che il suo italiano è dovuto al fatto che ha una ragazza italiana e addirittura toscana, che spesso viene nella mia nuova regione, che la ama, ama il buon vino, il cibo (non solo le donne). Pisa è stata la sua prima città italiana ad aver visitato. Si discute del più e del meno, delle nostre professioni. Si discute di Booking.com, che risolverà il mio problema, così Mosè cerca di rassicurarmi. Inoltre scopro che il prezzo della camera, una notte, ha un costo di circa 126 euro! Più del doppio rispetto a quella da me scelta all'FM hotel. Prezzo che rispecchia esattamente tale differenza. Mi mette a mio agio, cambia la lingua del film di Sorrentino, mi mette l'Italiano e mi offre un bicchiere di vino.
Nel bel mezzo della nostra discussione arriva finalmente la chiamata di Booking.com, una signorina gentilissima mi dice che finalmente c'è la soluzione per me, mi chiede se sono contento. Rispondo: "Contento di cosa?". Ribatte la signorina: "ah ma l'hotel FM non l'ha chiamata? Mi risulta che l'abbia chiamata e che le abbia proposto l'alternativa alle stesse condizioni e allo stesso prezzo". "Veramente io non ho ricevuto nessuna chiamata" rispondo io. La signorina: "L'hotel FM ci ha appena detto che l'ha chiamata e che le ha comunicato la soluzione trovata". Aggiungo: "Devo purtroppo farle notare che l'hotel FM ci sta prendendo in giro ancora una volta". La signorina mi rimette in attesa e verifica. Dopo un pò di minuti mi richiama e mi comunica l'hotel messomi a disposizione, si trova sempre nello stesso quartiere Pigalle. Mi viene proposto quindi di cancellare la prenotazione di FM hotel che non ha modo di esistere, confermo. Le dico che io mi trovo da tutt'altra parte e che ormai sono quasi l'una di notte. Non ho modo di raggiungerlo se non con un taxi, la metropolitana infatti è chiusa dopo mezzanotte. Mi rassicura che posso andare anche con un taxi e che, presentando la ricevuta otterrò il rimborso, esso verrà addebitato all'hotel FM che sarà responsabile di ogni ulteriore costo.
Mosè, ancora gentilissimo, comprensivo della mia disavventura e poca serietà del suo collega dell'FM hotel, mi chiama un taxi. Nell'attesa ci scambiamo i saluti, gli chiedo l'amicizia su facebook e presto lo aggiornerò su come finirà la mia vicenda.
Il taxi arriva pochi minuti dopo, mi accompagna all'hotel Saint George's, al solito quartiere Pigalle. Appena arrivo mi rendo conto che sono passato dalla padella alla brace. La prenotazione va dal 20 al 24 maggio ma scopro che non accettano carte di credito, io non ho cash e concordiamo che pagherò successivamente. L'albergatore, sembra francese, mi accompagna alla mia camera e mi indica il bagno.... è fuori dalla mia stanza, in comune insomma. Il mio nervosismo aumenta sempre più ma è nulla a quanto succederà il giorno dopo al mio rientro dalla mia prima giornata da, finalmente, vero turista. Una giornata caratterizzata da pioggia, pioggia e solo pioggia. Nota dolente di quasi tutti i 4 giorni a Parigi. Appena arrivo all'hotel, la sera dopo le 22.00 circa, sotto la pioggia, il nuovo albergatore, di origine nordafricana, non vuole farmi entrare in camera se non pago tutto, subito e in sporchi contanti tutte le 4 notti. Vuole che, nonostante la pioggia incessante e sostenuta, vada a cercare la banca e prelevare. Non sente ragioni, inflessibile, sembra un tedesco. Esco ma la pioggia non mi permette di allontanarmi molto e così torno, dopo circa mezz'ora, insisto per avere la possibilità di pagare il giorno dopo ma nulla di fatto. Arrabbiato chiamo ancora una volta Booking.com e spiego la situazione, insisto nell'avere una soluzione alternativa, spiego quanto accaduto e mi rimettono in attesa. Riesco, vado a cercare, sotto la pioggia, una banca, prelevo qualcosa e mi reco all'hotel Saint George's, ho infatti l'intenzione di punire questa mancanza di rispetto e dignità che mi contraddistingue. Pago i miei 50 € e chiedo di andarmene. La pioggia cade incessantemente e così trovo riparo nella metro, lì vicina. Attendo fino a quasi le 23.00, mi chiama Booking.com ma colpo di scena, la mia prenotazione cambia natura, non è stato un problema dell'hotel FM ma mio che ho rinunciato, che l'ho cancellata. Devo nuovamente raccontare tutta la vicenda, mi rimettono in attesa per verificare quanto da me raccontato. Mi richiamano e scusandosi mi confermano quanto successo e che ciò che affermo corrisponde a verità. FM hotel ridiventa scorretto. Mi rimettono in attesa e dopo un pò vengo richiamato e mi si dice che è stata trovata una soluzione adatta alle mie esigenze, che il costo è di circa 500 euro. Mi viene detto il nome dell'albergo, ma quando siamo alla fine della trattativa, il dubbio sulla fattibilità coglie la signorina di Booking.com, deve consultare il "supervisore" per avere l'ok su questa soluzione. Mi rimette in attesa ma d'ora in poi aspetterò per un bel pò, il freddo e i piedi inzuppati dalla pioggia si fanno sentire. Sembro un barbone, lì appoggiato alle ceramiche delle mura della metro parigina. Richiamerò nuovamente booking.com, mi risponde una persona diversa, a cui devo rispiegare tutto, che esigo una soluzione e in modo non molto garbato esprimo la mia insoddisfazione personale per come booking.com stia affrontando la mia situazione. Il signorino del call center mi risponde che Booking.com sta cercando una soluzione e sta lavorando per me. Non verrò più richiamato. Intenzionato a cavarmela da solo uscendo dalla metropolitana mi reco da un altro albergo, non ricordo il nome, che avevo notato lì vicino, pessimo, poco più costoso, 59 €, accetto per una notte, vogliono solo contanti niente carte di credito. Mi indicano la stanza ed è una vera bettola, puzza, bagno sporchissimo, peli sotto le lenzuola così dormo vestito e soprattutto appoggio la mia umile testa su una maglietta per evitare ogni contatto.
La notte dormo poco, rifletto su come risolvere il problema alloggio, non da poco. Il giorno dopo prendo la valigia, saluto e a mai rivederci. Inizia così il mio lungo peregrinare in giro per Parigi, un 22 maggio mattina consumato interamente fino alle 14.30 a cercare una stanza dove dormire e lasciare soprattutto la mia valigia, peso che mi trascino dietro non da poco. Giro e rigiro e nelle mie continue richieste scopro quanto sia cara Parigi. Almeno in centro trovare una camera libera è una impresa, nonostante i costi, oltre i 120 euro per una singola, addirittura per un umile 3 stelle oltre i 200 euro!!! Chiedo all'affascinante receptionist: "Se a maggio una singola costa 200 €, ad agosto quanto sarà?. Lei: "Oltre i 500 €, non è un problema, vanno a ruba lo stesso". Mi convinco che la crisi c'è ma non per tutti. Dopo un lungo girovagare, ascolto il consiglio della bellissima receptionist, che, generosa, mi omaggia, avvicinandosi e inarcandosi, del suo meraviglioso decoltè. "Qui vicino c'è un ostello, molto elegante ed economico". Ringrazio e me ne vado. L'idea di dormire in un ostello non mi "garba" molto, avere occhi che ti osservano quando ti spogli, rumori continui al mattino e alla sera e soprattutto condividere doccia e bagno, non mi alletta. Titubante mi reco all'ostello e la sua vista mi rassicura lievemente, è una struttura grandiosa, modernissima e avveniristica. Un green-eco-ostello, costituito da una struttura in legno tenuta insieme da una metallica antisismica esterna, il tutto coperto da enormi pannelli solari.
Si chiama Auberge de jeunesse Paris Pajol,

Paris Pajol

Auberge de jeunesse Paris Pajol

si trova in un quartiere nuovo di Parigi a pochi minuti della fermata metro "La Chapelle", dove la popolazione è quasi tutta di origine extracomunitaria ma che sembra tranquilla. Un quartiere che dispone di tutti i servizi, locali, scuole, edifici nuovissimi. Un quartiere dove regna l'integrazione tra diverse culture. Ora posso dire... ci vivrei. Entro quindi nell'ostello e si, mi piace, tutto è perfetto, nuovo, una grande hall, con gente giovane, un servizio impeccabile. Chiedo se ci sono posti letto, relativi costi e sono subito fortunato. Un posto in stanza con 4 letti. Il costo è 32 euro a notte. Soddisfacente. Mi da la card, qui non esistono chiavi! Lo scontrino dove appare anche user e pass per la connessione wifi nella hall. Mi reco in camera e quasi mi commuovo, come ho fatto a non aver mai preso in considerazione il fatto che un ostello possa essere una alternativa alla classica stanza d'albergo? Innanzitutto tutto è nuovissimo, ascensori che ti comunicano a voce dove ti trovi e ti salutano allp'entrata e all'uscita, luci del corridoio che si accendono al passaggio e poi si spengono da sole. Nella mia stanza, due letti a castello, 4 armadietti, una doccia super la cui funzione è attivata dalla mia card, che oltre ad aprire la porta passandola sulla serratura, permette di accendere anche la luce. L'ambiente inoltre è condizionato da un sistema di areazione cje mantiene l'aria sempre fresca e gradevole. In ogni angolo della stanza, anche in alto in corrispondenza di tutti i letti, prese elettriche e luci e persino due entrate USB per eventuali dispositivi come telefoni, palmari e ipad mini (il mio). Faccio amicizia con il mio compagno di camera, è inglese, ho anche l'occasione di improve my english. Che dire, sono felice. Adesso non mi tocca che fare il turista finalmente! Lasciando il caso Booking.com al ritorno dalla meritata vacanza che, nel finale, ha guadagnato un "quasi" davanti alla parola incubo.
Caro Mosè, ora sai come è andata a finire. Tu sei stato salvato dalle acque ma io non ho avuto la tua stessa fortuna. Parigi infatti la ricorderò come la vacanza più bagnata della mia, finora, esperienza.

scritto da on Palermo

Nessun commento

Avevo promesso di non parlare più del passato e quindi della mia precedente esperienza di vita a Palermo ma un piccolo evento mi costringe a farlo.

Nell'aprile 2014 mi è arrivata un'email da parte di AMAT Palermo (essendomi dimenticato di cancellarmi dalla newsletter). Per tutti coloro che non sono di Palermo, AMAT è la municipalizzata dei trasporti pubblici della città siciliana.

Nell'email AMAT, visto che nel 2014 ricorre il cinquantenario dalla fondazione, organizza un concorso online ( vedi link ) e invita tutti gli utenti a pensare al nuovo logo della società. Il concorso è aperto a tutti ed è gratuito.

Avendo vissuto per diversi anni a Palermo e toccando con mano il servizio, ho voluto parteciparvi dando nel contempo una sferzata critica.

Mi metto così al lavoro e, seguendo i dettagli del regolamento del concorso, realizzo un logo che pubblico qui:

Logo AMAT

Questo è il logo che ho inviato all'AMAT

Pensavo seriamente che AMAT avrebbe censurato la mia proposta come provocatoria e invece con indifferenza mista a sfida mi risponde via email il 16 maggio 2014 dicendo che purtroppo il mio logo non è stato valutato positivamente ma che comunque verrà pubblicato sul sito dell'AMAT. Ecco lo screenshot dell'email:

Email AMAT

Email AMAT

Resto stupito, hanno avuto il coraggio di pubblicarlo sul serio? Mi catapulto immediatamente sul loro sito web e scopro che al link citato vi è ....

Logo modificato da AMAT

Logo modificato da AMAT

Incredibile, hanno avuto il coraggio di modificare una mia creazione e pubblicarla associandola al mio nome. Una censura oscurantista tipica della città. Anche nell'ambiente lavorativo avevo avuto non poche esperienze di questo tipo (Università di Palermo). Stupito quindi ma non più di tanto.

Unica nota positiva....sono il primo logo nella lista sul sito web.

Bentornato a me

mar
2014
14

scritto da on Riflessioni d'autore

Nessun commento

Una lunga pausa ma alla fine rieccomi. Non vedo l'ora di iniziare a scrivere e dire la mia. La pausa forzata è la conseguenza di problemi personali e giudiziari determinatisi a Palermo. Adesso però ce l'ho fatta, sto chiudendo col passato siciliano e dalla mia nuova realtà lavorativa di Pisa ripartirò più forte e tranquillo di prima. Si Pisa, da anni ho cercato di venirci, ho presentato diverse richieste di mobilità e alla fine ... bingo! La mobilità per scambio consensuale intercompartimentale mi ha portato in questa affascinante e tranquilla città. Non quindi nel comparto universitario ma in quello della Provincia di Pisa. Ringrazio quindi l'ente toscano che ha avuto fiducia in me e mi ha concesso il tanto agognato "asilo politico". Si non scherzo, per me ha lo stesso significato visto che mi sentivo oppresso sia fuori che dentro l'ambito lavorativo. Un ambiente quello dell'ateneo palermitano davvero squallido e corrotto dove nessuno fa nulla per contrastarlo, dove la baronia fa e disfa a suo piacimento e dove, chi colpito, combatte da solo senza la solidarietà degli altri. Un ateneo che è l'immagine riflessa della città in cui è incardinato.

Benvenuto a me

Basta adesso parlare di passato che rimarrà solo come una macchia sul mio curriculum vitae. Il futuro sarà nella bellissima toscana ancora tutta da scoprire ma il cui assaggio mi ha convinto ancor di più della scelta che ho fatto. E poi che dire del simpaticissimo accento, quella c aspirata che nulla ha a che vedere con il rozzo dialetto siciliano. Beh tutti dicono che il posto in cui si è nati, la propria terra, è il posto più bello del mondo. Non riesco a capire una tale assurdità, se questo fosse vero il mondo sarebbe uguale ma non è così. Io mi sono sempre sentito un pesce fuor d'acqua nella mia terra di origine, non mi sono riconosciuto nella mentalità della gente, nel vivere di ogni giorno e nella gestione della cosa pubblica.  Criticatemi, datemi del traditore, dell'irriconoscente ma è così. Se potessi me ne andrei anche dall'Italia ma purtroppo ho dei limiti.

Arrivederci quindi al mio prossimo articolo...da questa bellissima regione.

 

scritto da on Palermo

Nessun commento

E' un venerdì di aprile del 2011, uno dei tanti venerdì.  L'ultimo giorno lavorativo della settimana e forse anche questo conta visto che sono uscito dai gangheri.

Mi reco, come a volte capita, all'ufficio postale di Via Roma a Palermo, per spedire un pacco ed effettuare una raccomandata. Prendo il mio numero dall'eliminacode, ho il P-83. Attendo il mio turno, pazientemente, in mezz'ora poco più di due persone sono state servite. Arriva il turno di una coppia di extracomunitari, hanno il numero P-79. Qualcosa va strano, ci stanno parecchio ma non mi sorprendo molto, capita. Vedo però che alcune persone si avvicinano allo sportello e, nonostante ancora il P-79 non sia stato servito, consegnano le loro carte, le buste da spedire. Penso, avranno avuto un numero prima del p-79, avranno perso tempo a compilare i bollettini o roba de genere ed ora sono stati serviti…ma non è così. Mi avvicino inquieto e dubbioso, chiedo che cosa succede e scopro che quelle persone, pur avendo avuto numeri successivi al mio sono state servite prima di me. L'impiegata allo sportello non aveva scorso i numeri ma solo chiamati a voce. Protesto per questo ma quasi mi si ride in faccia e mentre la signora mi spiega il perché di quella scelta, la sua collega all'altro sportello comincia a chiamare, questa volta utilizzando il sistema informatico, gli altri numeri ad una velocità mai vista. 6 numeri nel giro di meno di 10 secondi, il mio è andato, siamo al p-87. Perdo la calma e li mando a cagare ad alta voce non prima di avergli fatto capire quello che sono…incompetenti. La gente mi guarda sbigottita ma, abituata a questi eventi, non si scompone più di tanto. Deciso a protestare esco e mi reco al vicino commissariato di polizia postale, proprio a fianco. In portineria mi spiegano però che non c'è nessuno, vi è solo il piantone e non può intervenire, mi consigliano così di chiamare il 113. Mentre i nervi salgono a fior di pelle sempre più, compongo il 113 ma dopo una decina di squilli mi arrendo. Come è possibile che non risponda nessuno? Provo il 112, i carabinieri, dopo circa 6 squilli finalmente mi rispondono. Spiego tutto ma mi passano il 113 per competenza di zona….da non crederci. Questa volta una signorina mi risponde e mi chiede il nominativo e di cosa ho bisogno. Molto nervosamente e ad alta voce spiego l'accaduto e chiedo che mandino immediatamente una pattuglia. Inizialmente cerca di convincermi ma, sentendomi molto arrabbiato, mi assicura che appena si libererà una pattuglia la invierà immediatamente. Rientro e attendo circa mezz'ora. La rabbia aumenta sempre più, non è la prima volta che mi accade una cosa simile. Sono 6 anni che vivo a Palermo e ogni volta che mi reco in quell'ufficio postale c'è quasi sempre qualche problema. Tempo fa mi successe qualcosa di simile in  quello della stazione ferroviaria di via Rocco Pirri. Quella volta "osai" fare qualche foto ma una impiegata accortasi di quello che stavo facendo chiamò la polizia postale che mi chiese di cancellare le foto per ovvi motivi di privacy. Naturalmente e in maniera preventiva avevo tolto la SD card dalla fotocamera e la polizia non vide nulla.  Torniamo però ai fatti di questo tranquillo venerdì di aprile. La polizia non arriva e così preso dalla follia mi avvicino all'impiegato che staziona nell'area "shop". Con molta tranquillità apparente affermo: "Le consiglio di chiamare la polizia perché tra 10 secondi le ruberò quel cd musicale", e con il dito indico l'ultimo CD di Zucchero, il mio cantautore preferito. Mi guarda stranamente molto tranquillo e, come se fosse una cosa normale quello che gli stavo proponendo, continua a occuparsi del suo lavoro, a scribacchiare e sistemare le sue carte. Mi chiede il motivo di tale richiesta e glielo spiego in maniera molto alterata: "i suoi colleghi allo sportello mi hanno rotto le palle…….". Lui non fa una piega e mi risponde: "la chiami lei la polizia!". Inizio il mio conto alla rovescia al cui termine prendo il cd ed esco dall'ufficio postale. Mi fermo quasi in prossimità delle scalinate e attendo una reazione, mi aspettavo che almeno uscisse e tentasse di impedirmelo, ma nulla di questo. Continuava a fare il suo lavoro come se nulla fosse, mi ha completamente ignorato!!! Mi prende alla sprovvista, penso sul da farsi ma alla fine me ne vado a casa. Mentre mi ascolto il CD di Zucchero mi chiedo come sia possibile che l'impiegato postale abbia completamente ignorato il mio gesto. Vi è un sistema di videosorveglianza e mi rintracceranno successivamente? Nella eventualità fossi stato un vero rapinatore cosa sarebbe successo?