Archivio Blog

scritto da on Informatica

4 commenti

In un altro articolo vi avevo parlato dei CMS. Se avete fatto un po di testing su alcuni spazi web o magari in locale ora sarete pronti per metterli online. Passiamo al dunque e mettiamo il frutto delle nostre prove su degli spazi web seri ed efficienti.

Ve ne do alcuni che non sono assolutamente da buttare.

Non è solo gratitudine ma è davvero un buon servizio. netsons.com è molto meglio del più famoso altervista.

Ecco i dettagli dell'hosting gratuito....

Il servizio di Hosting Gratuito ti permette di avere il tuo spazio e il tuo sito web a costo zero!
Una volta effettuato l'ordine verrà creato in automatico un nome a dominio del tipo: tuosito.netsons.org raggiungibile via browser come Firefox, Opera, Safari, Internet Explorer, ecc
Insieme allo spazio web sono inclusi molti altri servizi come il supporto di scripts PHP o CGI, la creazione di un tuo database e di una tua e-mail, la gestione di redirect, la possibilita' di aggiungere un dominio esterno e moltissime altre funzioni! Per maggiori informazioni a riguardo visualizza la scheda delle Caratteristiche.


Tutti i nostri servizi di Hosting vengono forniti con il miglior pannello di gestione Hosting del momento: Cpanel!
Se preferisci utilizzare applicativi web per la gestione di blog, CMS, forum, e-commerce o siti di altra natura potrai scegliere se installarli in automatico tramite l'utility Fantastico DeLuxe presente in CPanel o eseguire una installazione manuale a seconda delle tue esigenze.

Ve ne è uno di marca USA, si chiama Zymic.com che non ho provato ma i dettagli sono davvero impressionanti.

Oltre a 5 giga di spazio web, 50 giga di transfer, ftp access da anche 5 database mysql. Qui ci sono gli altri dettagli.

Nato il primo maggio 2009....Superemy promette mare e monti. Per le caratteristiche andate qui.

Oltre alle risorse impressionanti, alla mancanza di pubblicità che danneggerebbe l'immagine del nostro sito, Superemy ha a disposizione più di 40 script autoinstallanti pronti all'uso come WordPress, joomla, ecc ecc

Man mano ne scoprirò altri li inserirò in questo articolo

scritto da on Ambiente, Attualità, Palermo

Nessun commento

Sembra strano ma una settimana dopo la fallita sospensione del servizio navetta alla Cittadella Universitaria di Palermo (Campus come dicono gli stranieri) parte il servizio Bike sharing.
Ma torniamo indietro nel tempo.
E' il 2008, primavera, sono sull'autobus e mi reco al lavoro come tutti i giorni, vedo un camion che scarica alcune decine di biciclette proprio accanto al parcheggio del personale della Facoltà di Lettere..poco di fronte alla Facoltà di Architettura. Poche settimane prima erano stati installati dei sistemi metallici per parcheggiare e legare le bici. Mi aspettavo prima o poi che arrivassero le bici ed eccole qui, nuove fiammanti, luccicano al primo sole primaverile. Finalmente un bel servizio! Mi complimento quasi da solo per il fatto di far parte di una struttura che ha scelto di fornire un servizio pulito ed economico. La soddisfazione però dura un giorno, infatti l'indomani non trovo più nulla, a parte le strutture metalliche per agganciare le bici. Vado a chiedere informazioni al Tabaccaio lì vicino che doveva gestire il servizio e scopro che non c'erano ancora le carte in regola per farlo partire..."L'Università deve ancora sbrigare le faccende" mi dice. Nulla più. Le bici però sono scomparse.
Ora siamo nel 2009 si ricomincia nuovamente ma stavolta non me lo faccio scappare, non si sa mai che scompaiano il giorno dopo! Così appena uscito dall'ufficio mi catapulto subito a chiedere informazioni.
Stavolta le strutture sono state montate poco sotto l'edificio 19, il Polididattico. Vedo un signore che è lì all'impiedi che confabula con alcune persone del servizio di vigilanza della Fidelitier e così chiedo lumi.
Il servizio è destinato al personale e agli studenti dell'Ateneo palermitano. Per goderne uno studente deve presentare un certificato di iscrizione all'Università di Palermo, il personale un attestato di servizio, pagare un quota di 5 € annui e poi 1€ per l'uso della bici per una giornata dal mattino alle 7:30 fino alle 19 di sera dal lunedì al venerdì. 5€ per una settimana e 10 per un mese con possibilità di prenderla e portarsela a casa.
Non c'è che dire, i prezzi sono buoni ma mi chiedo il Bike sharing non è quel servizio dove tu prendi una bici in una zona della città, la lasci in un altra zona e te ne vai? Mi pare che questo sia un semplice noleggio bici.
Mah... speriamo contribuisca a parcheggiare l'auto che è l'obiettivo principale!

scritto da on Attualità

Nessun commento

Nata per gioco sul blog Rosalio è la bellissima e simpaticissima parodia della canzone Sincerità, vincitrice del Festival di Sanremo e cantata da Arisa. Si intitola Cammaratà e come potrete intuire è dedicata al Sindaco di Palermo. Autori musicali sono i musicisti del gruppo palermitano Palermo Art Ensemble e la voce è di Veronica che è tanto piccola quanto brava.

Alla manifestazione a Palermo per chiedere le dimissioni di Cammarata, la piccola cantante palermitana ha interpretato live la canzone in maniera impeccabile e divertente indicando più volte il di là vicino municipio di Palermo dove si arroccava il Sindaco protagonista della canzone.

Potete ascoltarla eseguendola qui sotto:

scritto da on Informazione

1 commento

In verde sono indicati i paesi Liberi, in giallo Parzialmente liberi mentre in blu Non liberi

In verde sono indicati i paesi Liberi, in giallo Parzialmente liberi mentre in blu Non liberi

Freedom House (la vera casa della libertà), l'ente non governativo che promuove la democrazia e la libertà di stampa nel mondo ha stilato il resoconto annuale.

L'Italia è stata declassata al penultimo posto dopo la Turchia. Il nostro paese quindi passa da libero a parzialmente libero. Vedi rapporto.

Secondo Rosaria Amato su Repubblica, che cita le motivazioni di questo declassamento, [...]Le ragioni della retrocessione dell'Italia sono molteplici, spiegano gli estensori del Rapporto, che esamina la libertà di stampa in 195 Paesi da quasi 30 anni (dal 1980): "Nonostante l'Europa Occidentale goda a tutt'oggi della più ampia libertà di stampa, l'Italia è stata retrocessa nella categoria dei Paesi parzialmente liberi, dal momento che la libertà di parola è stata limitata da nuove leggi, dai tribunali, dalle crescenti intimidazioni subite dai giornalisti da parte della criminalità organizzata e dei gruppi di estrema destra, e a causa dell'eccessiva concentrazione della proprietà dei media".[...]

Le intimidazioni si riferiscono ad alcuni giornalisti tra i quali Marco Travaglio.

[...]Ma il punto veramente dolente, a giudizio dell'organizzazione, è costituito "dalla concentrazione insolitamente alta della proprietà dei media rispetto agli standard europei". Berlusconi, affermano senza reticenze gli autori del rapporto, controlla attraverso il governo la Rai, e possiede Mediaset. E la crisi di La7 non ha certo giovato in questo panorama.[...]

Continua a leggere l'articolo su Repubblica

scritto da on Palermo

Nessun commento

Ogni lunedì  alle 14:00, in diretta online, Marco Travaglio, uno dei più grandi giornalisti del nostro tempo, che non ha avuto il disonore e la paura di abbassare la schiena di fronte ai potenti, tiene un discorso sui fatti salienti del momento.

Un appuntamento da non lasciarsi sfuggire se non si vuole rimanere al di fuori dell'informazione vera.

Oramai non ci resta che affidarsi a coloro che sono rimasti in trincea, a difendere quel poco che ci rimane, in un'Italia in mano a potenti e lobby che governano la politica non più dei cittadini ma di pochi personaggi senza scrupoli.
passaparola

scritto da on Palermo

Nessun commento

Così titola il sito ANTIMAFIADuemila alla notizia che De Magistris è stato prosciolto da tutte le accuse di scorrettezza mosse contro di lui dagli indagati nell'inchiesta Toghe lucane.

Leggi articolo completo.

L'ex magistrato, ora candidato alle Europee 2009, commenta: "Non ho ancora avuto modo di leggere il provvedimento ma è l’ulteriore conferma dell’assoluta correttezza del mio operato e nel contempo della attività di ostacolo e di interferenza alle mie inchieste che mi hanno costretto a lasciare la magistratura”.

scritto da on Ambiente

1 commento

Non tutti sanno che diversi anni fa si cercò di fare una legge che permettesse alla gente di contribuire, attraverso una parte delle tasse della propria bolletta della luce, per la ricerca e gli investimenti nelle energie rinnovabili e quindi non inquinanti.

Purtroppo le lobby petrolifere, inceneristiche ci misero lo zampino e così la politica dirottò questo contributo anche ad altre tipologie di energie...nella legge chiamate "assimilate"  alle rinnovabili.

Così contro la volontà dell'Unione Europea, che ritiene tale norma illeggittima in quanto da destinarsi esclusivamente alle rinnovabili, oltre il 7% dell'importo della bolletta elettrica, invece che per incrementare lo sviluppo di energie rinnovabili, è stato destinato per finanziare impianti di incenerimento che bruciano scarti di raffineria e di lavorazioni industriali, plastica dai rifiuti urbani e assimilati e molte altre sostanze inquinanti, che contribuiscono all'incremento delle malattie ed all'inquinamento ambientale.

Leggete il post sul sito di Beppe Grillo.

Una associazione però sta preparando una vertenza per recuperare questi soldi impropriamente e illegittimamente destinati a fonti non rinnovabili

Se sei un utente titolare di un contratto di energia elettrica privato o aziendale, puoi chiedere la restituzione della somma che dal 2001 al 2007 è stata illegalmente utilizzata, ed evitare di pagarla anche in futuro.

In caso di vittoria avrai indietro i tuoi soldi. Avrai difeso un diritto tuo e dei tuoi figli, e avrai tutelato salute e ambiente. Motivi che sono alla base della vertenza nazionale.

In caso di sconfitta non avrai indietro i tuoi soldi. Ogni altro onere sarà a carico dell’Associazione.

La vertenza CIP6 è una causa promossa in tutta Italia dall'Associazione Dirittoalfuturo (www.dirittoalfuturo.it) per ottenere il rimborso di quella parte dei CIP6 (presente in qualsiasi nostra bolletta elettrica, in precedenza sotto la voce A3) destinati finora alle assimilabili. Per maggiori informazioni vai qui

scritto da on Informatica

Nessun commento

Content Managment System tradotto in italiano....Sistema di gestione di contenuti.

Secondo wikipedia..........

E' uno strumento software installato su un server web studiato per facilitare la gestione dei contenuti di siti web, svincolando l'amministratore da conoscenze tecniche di programmazione.

Esistono CMS specializzati, cioè appositamente progettati per un tipo preciso di contenuti (un'enciclopedia on-line, un blog, un forum, ecc.) e CMS generici, che tendono ad essere più flessibili per consentire la pubblicazione di diversi tipi di contenuti.

Tecnicamente un CMS è un'applicazione lato server, divisa in due parti: la sezione di amministrazione (back end), che serve ad organizzare e supervisionare la produzione dei contenuti, e la sezione applicativa (front end), che l'utente web usa per fruire dei contenuti e delle applicazioni del sito.

I CMS possono essere programmati in vari linguaggi tra cui più comunemente in PHP e ASP; il tipo di linguaggio adoperato è indifferente a livello di funzionalità. I CMS in PHP sono multipiattaforma, mentre i CMS in ASP possono essere utilizzati solo su piattaforme Windows.

Tanto per essere pratici...anche questo blog, che si chiama WordPress, è un CMS. Joomla ne è un altro esempio più famoso.

Per provarne qualcuno vi metto un sito web dove oltre ai giudizi degli utenti trovate pure le demo per provarli ed eventualmente installarli.

scritto da on Ambiente, Tecnologia e innovazione

Nessun commento

Buone notizie, è arrivata l'auto ecologica ed economica per eccellenza.

L’auto pesa solo 350 kg e potrebbe costare l’equivalente di poco più di $ 5000. Il progetto è sostenuto dal gruppo indiano Tata con un investimento dedicato. Il serbatoio, può essere riempito con aria da un compressore in soli tre minuti, più rapidamente della maggior parte delle batterie elettriche. In alternativa, l’auto può essere collegata alla rete elettrica per 4 ore.

Con un pieno può fare 190 km e raggiungere i 100 km/h.

Per i lunghi viaggi, CityCAT possiede un bruciatore a combustibile riscalda l’aria in modo che questa si espande e aumenta la pressione sui pistoni. Il bruciatore è stato progettato per utilizzare tutti i tipi di combustibile liquido. I suoi ideatori aggiungono che il consumo di questa auto corrisponde all’equivalente di 0,50 L ogni 100 Km.

Altre info le trovate qui

scritto da on Economia e finanza

1 commento

Non capisco come mai molte persone considerino un conto corrente come una palla al piede difficile da staccare.

Il conto corrente è un prodotto come molti altri, eppure molte persone rifiutano di cambiarlo come se cambiare fosse un salto nel buio. Io ogni anno faccio fare preventivi per diverse compagnie assicurative, quando giro per negozi valuto i prezzi e poi compro quello che secondo me ha il miglior rapporto qualità prezzo e la stessa cosa ho fatto per il mio conto corrente. Valuto i servizi che desidero e scelgo quello che li offre a prezzi più bassi (nel mio caso come scoprirete non ci sono spese!!!). Io ne ho cambiati diversi, uno ogni anno,  credo però che se le cose rimangano immutate non farò altri cambiamenti....ho il Conto Corrente Arancio...si quello della zucca! Le spese non esistono se accreditate stipendio o pensione!

Ho pensato di fare una piccola rassegna di conti correnti più vantaggiosi.

Eccone alcuni ma se ne avete altri ditelo!

Conto corrente - www.webank.it/

Bolli statali: 34,20
canone annuo: gratuito
operatività: illimitata e gratuita
carta credito: gratuita
invio estratto conto: gratuito
prelievi presso qualsiasi bancomat: gratuiti
bonifici online: gratutii
libretto assegni:  gratuito il primo
Supporto tramite tel, chat e email: gratuito
interessi: 1,10 % lordo

Conto corrente - www.websella.it

Bolli statali: 34,20
canone annuo: gratuito
operatività: Token di accesso ai servizi on line: € 3 una tantum per l'attivazione
carta multifunzione: gratuita
invio estratto conto: gratuito
alert sms: gratutito
carta prepagata: costo di 1 € di ricarica tramite bonifico o internet e 5€ allo sportello. prelievo gratuito presso sportelli banca sella e 2 presso altri istituti
prelievi presso qualsiasi bancomat: gratuiti
bonifici online: gratutii
libretto assegni: gratuito
Versamento assegni/contanti: gratuito presso sportelli bancasella
interessi: 3,50 % lordo per i primi 6 mesi poi 1%

Contro: le uniche pecche sono la burocrazia, nel senso che per le varie richieste, dal bancomat, al libretto, ai servizi di eliminazione della posta cartacea (cosa che consiglio di fare subito, visto che si pagano 2,5euro ad invio), bisogna rispedire decine di fogli firmati. - Citazione di un cliente

Conto corrente - www.fineco.it

Bolli statali: li paga fineco se si accredita stipendio / pensione o si carica 1500€ mensili
Canone annuo: Gratuito
operatività online: gratuita
carta bancomat: gratuita
carta credito: nessun canone annuo, nessuna commissione per il rifornimento di carburante e nessun costo per l’estratto conto online! Visa accettata in tutto il mondo
Estratto conto online: gratuito
alert sms: gratuito
Carta prepagata: -----
Prelievi bancomat: gratuiti in tutta europa
bonifici online: gratuiti
libretto assegni: Puoi richiedere l’invio per posta del libretto degli assegni al costo di 0,95 €
Bollettini postali: 1,55 €
Versamento assegni /contanti: gratuito
Interessi: 0,75% lordo al di sopra di 2000 € ma con supersave fino a 1,66% netto

Conto corrente - www.ingdirect.it

Bolli statali: li paga ingdirect se si accredita stipendio / pensione
Canone annuo: gratuito
operatività online: gratuita
carta bancomat: gratuita
carta credito: nessun canone annuo, nessuna commissione per il rifornimento di carburante e nessun costo per l’estratto conto online! Visa accettata in tutto il mondo
Estratto conto online: gratuito
alert sms: gratuito
Carta prepagata: -----
Prelievi bancomat: gratuiti in tutta europa
bonifici online: gratuiti
libretto assegni: Puoi richiedere l’invio per posta del libretto degli assegni subito dopo il primo accredito sul conto corrente del tuo stipendio o della pensione, oppure quando il tuo saldo raggiunge una soglia pari a € 3.000. Il primo libretto degli assegni che richiedi in un anno è gratuito, dal secondo in poi ti verranno addebitate le spese di spedizione pari a 5 euro.
Versamento assegni /contanti: gratuito
Interessi: 0% (spostandoli su conto arancio deposito si ha la possibilità di ottenere fino al 2,75 % lordo)
Ulteriori vantaggi: bolli esenti se accreditamento stipendio/pensione o giacenza media trimestrale di 3000€

Conto corrente - www.iwbank.it

canone annuo: gratuito
operatività online: gratuita
carta bancomat: gratuita
carta credito: senza spese e senza canone, rimbordo mese successivo senza interessi( a pagamento rateale)
estratto conto online: gratuito
alert sms : gratuito
carta prepagata: gratuita e visa electron: è possibile richiederne illimitate
prelievi bancomat: con prelievi illimitati da qualsiasi sportello in area Euro
bonifici online: gratuiti
libretto assegni: gratuito (Nel rispetto dei principi di prudenza per la concessione degli strumenti di pagamento, i nuovi clienti* possono chiedere il primo carnet Assegni solo se saranno rispettate almeno 2 delle seguenti condizioni:

conto attivo da più di 6 mesi;
costituzione di un deposito minimo di 10.000 euro;
accredito dello stipendio.

versamento assegni/contanti: 2,50€ presso filiali UBI Banca
interessi: Deposito remunerato al 1,00 % lordo, con accredito interessi mensile
Ulteriori vantaggi:
1)Accesso alla banca tramite internet , cellulare ed altre forme
2)Servizio assistenza tramite Chat online

Consiglio inoltre di farvi pure i conti deposito. I costi sono azzerati e vi permettono di avere dei tassi di interesse davvero convenienti

i migliori:
IWpower (www.iwpower.it), attualmente (marzo 2010) fino al 2% netto.
conto arancio(www.ingdirect.it), attualmente (marzo 2010) fino al 2,75% lordo
chebanca (www.chebanca.it), attualmente (marzo 2010) fino al 2,00% lordo
rendimax: (http://www.rendimax.it/), attualmente (marzo 2010) fino al 3,00% lordo
santander: (http://www.santanderconsumer.it), attualmente (marzo 2010) fino al 3,00% lordo.
contoconto: (http://www.contoconto.it), attualmente (marzo 2010) fino al 2,50% lordo.
websella: (https://www.websella.it), attualmente (marzo 2010) fino al 2,50% lordo.

Per chi abitasse in un piccolo paesino e non ha banche vicine allora consiglio il conto delle poste.

conto corrente - http://www.bancopostaclick.it

canone annuo: gratuito
operatività: gratuita online
carta postamat: gratuita
carta di credito: gratuita
estratto conto: gratuito online
prelievi presso qualsiasi postamat: gratuiti
bonifici online: gratuiti
libretto assegni: gratuito
Versamento assegni/contanti: gratuito presso sportelli postali
interessi: 2% sul saldo giornaliero del conto, per importi superiori a 3.000 euro e fino a 30.000 euro
pagamento bollettini online: 1 euro
Ulteriori vantaggi:
1)sottoscrizione online buoni fruttiferi postali
2)postagiro: gratuito
3) ricariche postepay gratuite fino al 31 marzo 2009