Abusivismo morale. Storia di una semplice giornata alla Feltrinelli

nov
2009
09

scritto da on Attualità, Palermo, Riflessioni d'autore

Nessun commento

La aspettavo da molto tempo questa occasione, sì... da socio UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti) incontrare uno dei miei Presidenti è stato un onore soprattutto se è del calibro di Margherità Hack, una delle scienziate più famose e conosciute al mondo. L'Astronoma e non astrologa come disse il nostro presidente del consiglio.
Così sono andato alla Feltrinelli di Via Cavour ad incontrarla in occasione della presentazione di un libro di cui ha scritto la prefazione. Edito La Zisa. Cito l'editore in quanto più avanti avrà la sua importanza.
Entro un pò in ritardo e non riesco a vedere nulla, un nugolo di gente mi oscura la visuale, sento soltanto parlare la Hack. Alla fine il ringraziamento dell'editore della casa editrice che oltre a ringraziare l'autore e la Hack mostra un pò i muscoli dichiarando che la sua casa editrice aderisce al progetto Pizzofree di AddioPizzo, che non ha intenzione di pagare neppure un euro alla criminalità. Questa dichiarazione entusiasma la gente che applaude e che spinge una signora del pubblico a chiedere alla moderatrice dell'evento (personale della Feltrinelli) se la Ricordi Mediastore ha aderito a Pizzofree. La risposta è quanto mai lapidaria, neppure finisce di pronunciare la domanda che un bel SI perentorio viene dichiarato e immediatamente si cambia discorso. Questa repentina quanto mai deviazione dall'argomento legalità mi crea qualche sospetto. Mi ricordo così di avere in tasca il mio opuscoletto con l'elenco delle attività commerciali aderenti a Pizzofree, lo prendo, dò un'occhiatina e vedo La Zisa, sfoglio ancora, chiudo e poi riapro ma la Feltrinelli, Ricordi Mediastore non la trovo. Ricomincio d'accapo, forse sarà sotto un'altra voce, magari negozi musicali, o altro. Niente.
Mi chiedo magari che non sarà aggiornato, il mio opuscoletto infatti risale a Maggio 2009, siamo a novembre magari è successo qualcosa negli ultimi mesi.
Mi prude la domanda ma non approfitto della possibilità del microfono. Sbaglio? In quel momento mi pare fuori luogo e così aspetto la fine.
Concluso l'evento, fattomi la foto di rito con la prof.ssa Hack, mi congratulo con l'editore de La Zisa per la coraggiosa scelta di non pagare il pizzo e spiego a lui che nonostante le dichiarazioni della sig.ra della Feltrinelli non mi torna qualcosa. Lui mi indica di andarlo a chiedere..."è proprio lì vicino alla cassa" mi dice. Mi reco e con molto garbo chiedo se veramente la Ricordi ha aderito visto che nell'opuscolo di maggio non risulta. Lei un pò stizzita mi chiede: "Lei chi è, si qualifichi". Io rispondo che sono un semplice cittadino che vorrebbe sapere di più sulla sua dichiarazione. Lei mi risponde che è stata fatta la richiesta e che il mio opuscolo non è aggiornato. "Abbiamo fatto richiesta dopo maggio" mi dice. Chiedo quando è stata fatta richiesta ma lei si rifiuta e che a suo dire non avrei il diritto di saperlo. Intanto i toni si alzano e la gente, numerosissima, rimane attonità dalla nostra accesa discussione. Io sventolo il libricino di Addiopizzo mentre lei si rifiuta di darmi spiegazioni. Forse non sa darle e non vuole dire cose sbagliate e così la saluto con la promessa di chiamare Addiopizzo e venirla a trovare.
Esco fuori, faccio la mia telefonata e Addiopizzo in effetti mi risponde che la Feltrinelli aveva fatto sì la richiesta ma a cui non è seguita una risposta definitiva in quanto la procedura di accettazione è lunga e deve seguire un iter particolare prima che sia inserita tra le attività commerciali virtuose. La signorina di Addiopizzo al telefono mi invita a controllare l'elenco sul sito internet ufficiale in quanto è sicuramente aggiornato. Io in quel momento mi sento un pò colpevole di aver pensato male così rientro, cerco la signora "Feltrinelli" di cui non so il nome e mi scuso per la mia intromissione, per aver dubitato male. Lei un pò arrabbiata, anche per la presenza della Hack, neppure mi da molto conto e così tutto finisce lì.
Me ne vado e nel percorso verso casa riflettendoci un pò su mi chiedo: "Ma perchè mi sono scusato?"
La conferma arriva non appena ho la sentenza definitiva. Consulto infatti il sito di Addiopizzo e la Feltrinelli non risulta ancora. Quindi attualmente non è una attività Pizzofree. Sì proprio così, la Feltrinelli ha abusato di una virtù non ancora certificata. Finchè non ci sarà una risposta di Addiopizzo la Ricordi Mediastore non è in Pizzofree e pertanto non può considerarsi aderente all'iniziativa degna di lode. La mia opinione corrispondeva a realtà. Perchè mi sono scusato?
Scrivo di getto una email ad Addiopizzo raccontando l'accaduto e attendo una risposta. la pubblicherò qui appena possibile.

Lascia un Commento